Le sacre scritture sono infallibili?

Una Nota da Neale

Miei cari amici…

In Amicizia Con Dio ho fatto una domanda molto diretta — e ho ricevuto una  risposta molto diretta. Vorrei condividere con  voi questo scambio…

Puoi dirmi qualcosa  sui gay? Mi è stato chiesto un sacco di volte, alle conferenze e ai ritiri in  giro per il mondo: non dirai qualcosa per far terminare una volta per tutte e per sempre la violenza e la crudeltà e la discriminazione contro i gay? Viene fatto così tanto in nome Tuo. Così tanto si dice essere giustificato dai Tuoi insegnamenti e dalle Tue leggi.

L’ho già detto, e lo ripeto:  non c’è alcuna forma né modo in cui l’espressione di puro e vero amore sia inappropriata. Non posso essere più inequivocabile di così.

Questo passaggio tratto dalla cosmologia di Conversazioni con Dio mi risuona in testa ogni volta che emerge l’argomento dei gay e della loro battaglia per l’accettazione nella nostra società — e specialmente  quando fa notizia. E lo ha appena fatto di nuovo.

Il Rev. Tim Reed,  pastore della Prima Chiesa Battista di Gravel Ridge a Jacksonville in Arkansas, è stato citato nelle notizie l’altro giorno per aver detto che la sua chiesa non aveva altra scelta se non concludere la sua collaborazione con la Truppa 542 dei Boy Scouts poiché i Boy Scouts d’America hanno tolto le barriere alla gioventù apertamente gay. Reed ha detto ad una delle maggiori emittenti televisive che “non è  una  questione di odio”. Ha detto che è una “presa di posizione morale che dobbiamo prendere come Chiesa Battista Sudista”.

Il Ministro Cristiano è stato citato nelle notizie per aver detto: “La parola di Dio dice esplicitamente che l’omosessualità è una scelta, un peccato”.

Ora, non mi importa quando le persone usano la Bibbia come Fonte ed  Autorità per questioni di rilievo spirituale, ma ho dei problemi  con chi usa la Bibbia “come un buffet”, scegliendo solo quei versetti che si adattano al loro scopo o alle loro personali opinioni, ignorando quindi tutto ciò che non lo fa — o che pensano potrebbe, da fedeli credenti nella Bibbia, farli “sembrare cattivi”.

Il Rev. Reed non è il primo Cristiano ad usare la “Parola di Dio” come autorità morale per emarginare i gay. Ho sentito che altri Cristiani lo fanno, molto spesso indicando il libro del Levitico, al capitolo 18, versetto 22. Come riportato dalla Bibbia nella ‘Versione di Re Giacomo’ (o Bibbia Autorizzata –  n.d.t.), il versetto 22 dice: “Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa abominevole”. Molti Credenti nella Bibbia citano anche Levitico 20:13, che dice: “Se uno ha con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna, ambedue hanno commesso cosa abominevole; dovranno esser messi a morte; il loro sangue ricadrà su loro”.

Ad alcune Chiese Battiste Sudiste usare la Bibbia in questo modo può sembrare che fornisca un’autorità virtuosa, e si presume che molte di esse termineranno la loro collaborazione con gli Scouts nelle settimane a venire. Che significa circa 4000 truppe di Boy Scouts a breve senza sostegno. Richard Land, capo della Commissione della Libertà Etica e Religiosa dei Battisti Sudisti, è stato citato nelle notizie menzionate sopra per aver detto che “i Battisti Sudisti sono sul punto di lasciare i Boy Scouts in  massa”.

I Battisti Sudisti, ovviamente, hanno diritto di credere esattamente così come credono. E, avendo detto ciò… non è forse il momento di una Giusta Domanda? Dovrei chiedere: Quali versetti della Bibbia dovrebbero essere operativi nelle nostre vite, se dobbiamo vivere sulle intimazioni morali  di Dio, come pensano di fare i Battisti Sudisti  in risposta alla decisisione dei Boy Scouts di ammettere la gioventù gay?

Pensate che debba essere il versetto nel Libro del Deuteronomio dove dice che se un uomo  sposa una  donna e scopre che non è vergine, e se la sua famiglia non può provare che fosse vergine prima del matrimonio, allora “si farà uscire quella giovane all’ingresso della casa di suo padre, e la gente della sua città la lapiderà, sì ch’ella muoia” (Deuteronomio 22:20,21 – n.d.t.)? O forse sarebbe il versetto che dice che se scoperti in una relazione adulterina, sia l’uomo che la donna dovranno essere portati alle porte della città e anche loro lapidati a morte? — Dt 22:22 (prima di decidere, tieni a mente che se dovesse essere applicato, alcune chiese dovrebbero lapidare a morte i loro stessi ministri).

O forse è il versetto che dice che solo certe persone sono bene accette nel luogo di culto di Dio. Se per caso sei un bambino nato fuori dal matrimonio, o il pro-pro-pronipote di una persona nata fuori dal matrimonio, Dio dice che non puoi metter piede in chiesa. La Bibbia lo dice molto chiaramente. Dice che nessun figlio illegittimo, “nessuno dei suoi, neppure alla decima generazione, entrerà nella raunanza dell’Eterno” (Dt 23:2).

E sapevate questo?: Se una determinata parte del corpo di un uomo viene ferita in un incidente o a causa della guerra, egli analogamente non può riunirsi insieme agli altri fedeli di Dio in una Casa del Signore. La Bibbia dice: “Se i testicoli di un uomo vengono schiacciati o il suo pene viene tagliato, egli non potrà essere incluso nell’assemblea del Signore”.

Si, queste sono proprio parole della Bibbia. Fai riferimento a Deuteronomio 23:1,2, nella Nuova Traduzione. “Oh”, potresti dire, “una di quelle Bibbie moderne“. Si. La Versione di Re Giacomo lo dice in questo modo: “L’eunuco a cui sono state infrante o mutilate le parti, non entrerà nella raunanza dell’Eterno”, ma significa la stessa cosa.

E la Bibbia ha notizie allarmanti per le donne che frequentano uno di quei corsi di auto-difesa che vengono offerti attualmente. Potrebbero trovarsi in grande difficoltà con alcune delle cose che imparano in quei corsi. La Bibbia dice: “Quando alcuni verranno a contesa fra loro, e la moglie dell’uno s’accosterà per liberare suo marito dalle mani di colui che lo percuote, e stendendo la mano afferrerà quest’ultimo per le sue vergogne, tu le mozzerai la mano; l’occhio tuo non ne abbia pietà” (Dt 25:11,12).

La Parola di Dio ci dà una chiara indicazione anche per i bambini che non obbediscono ai genitori. Probabilmente non sono pensieri che molte madri avrebbero — forse neanche le madri Battiste Sudiste — ma non abbiamo altra scelta che obbedire. Come direbbe il Rev. Reed, “la Parola di Dio ci dice esplicitamente” come dobbiamo rispondere. E cosa ci dice di fare la Parola di Dio con i bambini ribelli?

Uccideteli.

Ora, potreste non crederci, ma è proprio lì, chiaro come il sole, e non puoi rinnegare la Parola di Dio: “Quando un uomo avrà un figliuolo caparbio e ribelle che non ubbidisce alla voce né di suo padre né di sua madre, e benché l’abbian castigato non da’ loro retta, suo padre e sua madre lo prenderanno e lo meneranno dagli anziani della sua città, alla porta del luogo dove abita, e diranno agli anziani della sua città: ‘Questo nostro figliuolo è caparbio e ribelle; non vuol ubbidire alla nostra voce, è un ghiotto e un ubriacone’; e tutti gli uomini della sua città lo lapideranno, sì che muoia; così toglierai via di mezzo a te il male” (Dt 21:18-21).

Penso che funzionerebbe, già…

Quindi,  con tutto il rispetto, non sono totalmente convinto che tutte le risposte infallibili dell’umanità siano da trovare nella Bibbia. Non posso essere d’accordo con i versetti riportati sopra. Con nessuno di essi. Alcuni Cristiani potrebbero non essere d’accordo con tutti quelli menzionati. Ma se saremo Credenti della Bibbia a Buffet, piuttosto che Credenti della Parola Letterale di Dio, allora sarebbe fantastico sapere quali  versetti della Bibbia è meglio ignorare, e  quali dovremmo applicare alla lettera.

Tutto ciò fa sorgere la domanda: I testi sacri sono verità letterale? Dobbiamo prendere la Bibbia, il Corano, o le Upanishad, o il Libro dei Mormoni, o qualsiasi altra scrittura sacra, come Parola Infallibile di Dio? Se si, quale testo sacro è l’unico senza errore? O è possibile che Conversazioni con Dio abbia le sue ragioni quando dice che la Bibbia e tutti gli altri libri sacri scritti dagli umani potrebbero esser meglio apprezzati ed abbracciati per la loro meravigliosa saggezza in molte  parti, ma mai accettati in toto, prendendo ogni parola come verità letterale, considerato il fatto che sono stati scritti da fallibili umani…?

Abbracci & Amore,

Neale

Domanda & Risposta

Tutti gli atti sono atti d’amore

Caro Neale… Tre ragazze probabilmente con pensieri da adolescenti sul centro commerciale, sulle scarpe nuove, sul ragazzo in cui si sono imbattute,  forse sul ballo studentesco o la carriera erano sul punto di entrare in un decennio di abusi sessuali  a 16, 14 e 21 anni. Una ha avuto un figlio  nato in prigionia. Secondo quanto riportato erano coinvolti e sono accusati tre fratelli (caso dei fratelli Castro in Ohio – maggio 2013 – n.d.t.). Possiamo biasimare la gente di Cleveland, come alcune persone all’epoca di Hitler, per essere stata complice? Non possiamo. E tu dici che non esiste il male nel mondo? Che questi sono “Gemiti di amore profondo”, come hai scritto? Daresti un abbraccio a questi fratelli? Io sicuramente darei un abbraccio al vicino che li ha rilasciati, e non sono un tipo affettuoso! Se fosse tuo figlio, crederesti nel fatto che l’Universo si sta manifestando come dovrebbe?

Neale Risponde

Amico mio, capisco il modo in cui ti senti in seguito alle notizie di Cleveland. Stai reagendo come farebbe qualsiasi essere umano  perfettamente normale. Ma la Vita ci invita a reagire non in un modo “normale”,  ma in un modo “naturale”. Ciò che è “normale” per gli esseri umani può non essere “naturale” per loro, se si spostano dallo Stato Mentale al loro Sé Più Naturale.

Comprendo la difficoltà nell’abbracciare la nozione che ogni atto umano sia un atto d’amore, per quanto malvagio e distorto esso sia, ma ciò non rende meno vera l’affermazione.

Tutte le persone agiscono per desiderio, e il desiderio è la conseguenza del nostro amore per qualcosa, qualunque essa sia. Le persone con la mente danneggiata — capacità mentali ed emozionali che sono state ferite  in precedenza, o capacità ridotte con le quali sono nate — spesso hanno ed esprimono desideri profondamente distorti.

Lo capisce anche il sistema legale dell’umanità, ed è il motivo per  cui può giudicare certe persone “innocenti per infermità mentale”.

Per correggere la tua affermazione sopra, non sono stati accusati tre fratelli, ma, in realtà, un uomo solo. I suoi fratelli sono stati rilasciati senza accuse pendenti. Ma è solo un dettaglio. Il senso si capisce. Che fosse un solo uomo o tre a perpetrare questo crimine, il punto è lo stesso: Darei un abbraccio a quest’uomo?

Hmmmm… Papa Giovanni Paolo,  dopo che venne rilasciato dall’ospedale a seguito di un ricovero per una grave ferita d’arma da fuoco, andò in prigione dall’uomo che gli aveva sparato e aveva sperato di ucciderlo, e gli diede non solo un abbraccio ma anche la benedizione papale.

Penso si potrebbe dire che il Papa non è un uomo ordinario — ma non è questo che la Vita ci chiede di essere? — non “ordinari”?

Non possiamo “biasimare” la gente di Cleveland per aver pensato qualcosa in particolare, poiché il “biasimo” non fa parte dell’Esperienza Sacra. Possiamo comprendere perchè la gente di Cleveland possa sentirsi in un certo modo. Ma la vera questione qui è questa: Quali sono la reazione, la  risposta e la posizione di Dio nei confronti di ciò che quest’uomo ha fatto secondo quanto riportato? Pensi che Dio perdoni, o condanni?

Conversazioni con Dio  dice: “Hitler è andato in Paradiso”. Come è possibile? Può essere vero? E’ possibile che Dio perdoni la peggior offesa immaginabile? D’altro canto, è possibile che, indipendentemente da ciò che uno faccia o dica, indipendentemente da quanto uno sia addolorato o rammaricato, ci siano offese che Dio mai e poi mai perdonerebbe, in nessuna circostanza?

Non sono questioni trascurabili, poiché fanno direttamente riferimento a quanto hai scritto sopra.

L’oltraggio vince sulla compassione per le persone mentalmente distorte? La rabbia vince sull’indulgenza? La rettitudine vince sul perdono ogni volta?

Facciamo che questa sia la nostra questione del giorno.

Conosco bene il posto dove vivo. Ed in quel luogo, il Perdono stesso viene vinto dalla Comprensione, rendendo il Perdono stesso non necessario.

Capisco che sia molto impegnativo, molto difficoltoso, vivere in questo luogo, arrivare da questo luogo. Uso Papa Giovanni Paolo, il Vicario di Cristo — e, in effetti, Cristo stesso — come mio modello. Non che io sia un Cattolico praticante. Ma non mi ci vuole molto per riconoscere la vera santità quando la vedo, in qualunque uomo. E’ il tipo di santità alla quale io aspiro.

Ci sono riuscito? Ci sono arrivato? No. Ben lungi. Ma questo è il modello a cui aspiro. Ti invito a prenderlo in considerazione anche tu.

Ti invio amore e buoni pensieri.

Al tuo servizio,

Neale

 

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.