Il Movimento Fisico è uno Strumento

Una Nota da Neale…

Miei cari amici…

Stiamo discutendo i vari strumenti che ho scoperto esserci stati dati come un sentiero verso ciò che chiamo L’Esperienza Sacra. Oggi vorrei continuare questa esplorazione con un’occhiata allo strumento che chiamo “Movimento”.

Sin dall’inizio dell’esperienza umana la nostra specie ha capito intuitivamente che il Movimento era in qualche modo uno strumento importante sia nel vivere una buona vita che nel connettersi con un’Essenza più grande.

Non è una coincidenza che anche nei primi tempi, quando gli umani erano contenti di qualcosa e volevano celebrarla, si muovessero.

Intuitivamente, saltavano e si agitavano in gioiosa celebrazione. E ben presto i loro movimenti divennero coordinati, vennero ricordati e ricreati. In breve, danzavano. Questa è un’espressione fisica della Risonanza.

Non è una  coincidenza nemmeno il fatto che quando erano scontenti di qualcosa, e cercavano aiuto in ciò che consideravano un Potere Superiore, di nuovo danzassero.

Danziamo e ci  muoviamo in modo coordinato e significativo da millenni. In qualche modo abbiamo sempre saputo che era una buona cosa.

E lo è. Avevamo ragione, lo è.

Non sorprende, quindi, che il Movimento sia a tutt’oggi considerato un gioioso e meravigliosamente efficace Strumento dell’Esperienza Sacra; uno strumento utilizzato da molti per raggiungere rilassamento esteriore e pace interiore.

Nel Sufismo — che è, ovviamente, una forma dell’Islam — alcuni Musulmani danzano e vorticano su se stessi verso un senso di  beata connessione con il Divino. Vengono chiamati Dervisci Roteanti.

Nell’America contemporanea ha invaso il territorio una nuova tendenza, chiamata Danza Estatica. Nelle città e nelle cittadine di tutto il paese, dei gruppi si ritrovano ogni settimana per impegnarsi in questa emergente nuova versione di un’antica forma di gioioso movimento che può portare ad un’esperienza di separazione dalle preoccupazioni e frustrazioni quotidiane e ad un’unificazione con la Vita ad un livello totalmente differente. Niente è cambiato, ma tutto è diverso. Per un momento, si può danzare nell’estasi.

E, ovviamente, in tutto il mondo si possono trovare corsi e gruppi di yoga. Un’altra forma di connessione fisico-spirituale che si sta rapidamente diffondendo è la Dahn Hak, una pratica  coreana che implica movimenti predeterminati e stabiliti, che cercano di unificare Corpo, Mente e Spirito come una singola espressione di vita attraverso un’attività fisica in sequenza.

Il Tai Chi ancora è un’altra forma di questa attività  di integrazione Corpo-Mente-Spirito. Ed infine, c’è il semplice datato buon “esercizio fisico”.

In qualsiasi modo lo si impieghi, si sa che lo strumento del Movimento produce un significativo beneficio. Non solo, come può sembrare ovvio, tonificazione  fisica e modellamento, ma acutezza metafisica ed apertura.

E parleremo ancora un po’ di questo meraviglioso Strumento settimana prossima.

Abbracci & Amore,

Neale

Domanda & Risposta

L’Anima conserva i ricordi?

Caro Neale… Sono a metà del tuo libro “Accanto A Dio”, il terzo che ho letto dei tuoi molti scritti. Forse non ci sono ancora entrata abbastanza, ma sto aspettando che tu e Dio parliate del fatto se in qualche modo manteniamo il livello di consapevolezza che abbiamo raggiunto (e che stiamo raggiungendo in questo momento come  conseguenza del ricevere i Suoi messaggi attraverso te) quando transitiamo nelle future vite fisiche. In altre parole, i progressi che la mia anima ha fatto in questa vita e la conoscenza che ho ottenuto attraverso la mia esplorazione spirituale nella vita come “Kristen” sono qualcosa che seguiterà nei successivi viaggi sulla terra? Avrò una qualche memoria di tutto questo? Mentre ci muoviamo verso la maestria, saremo capaci di attingere e recuperare le memorie  di ciò che abbiamo  imparato spiritualmente in altre vite?

Neale Risponde

Cara Amica… Ciò che posso capire è che la risposta alla tua domanda è “Si”. Ma devi accedere alla tua “memoria” della conoscenza che hai ottenuto attraverso l’Anima, non attraverso la Mente. Come la capisco io, la Mente “elimina” o “cancella” tutte le memorie delle vite precedenti — e ciò che è stato “imparato” lì — con ogni nuova incarnazione, ma l’Anima ricorda tutto e sa tutto… e quindi, è all’Anima che siamo invitati a ritornare per poter portare alla nostra Nuova Mente in ogni vita la saggezza delle ere che risiede nell’Anima.

Il file della Mente “rifiuti” (per usare un’analogia da computer) contiene tutto ciò che è stato sperimentato nella vita di ognuno, e a volte è possibile accedere a questi “dati precedenti” attraverso la Mente, ma non è facile. Il modo più facile è cercare l’accesso attraverso l’Anima.

Tutto ciò è spiegato splendidamente — incluso l’uso dell’analogia col computer — nel prossimo libro che uscirà nella cosmologia CcD, L’Unica Cosa Che Conta, che ti invito caldamente a procurarti se vuoi una risposta dettagliata e magnificamente funzionale.

La risposta breve è si, puoi avere accesso alle informazioni dalle vite passate, e il modo migliore e più facile per farlo è attraverso la Consapevolezza dell’Anima.

Con Amore,

Neale

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.