Imparare ad Ascoltare la Vita

Una Nota da Neale…

Miei cari amici…

Continuiamo questa settimana nella nostra straordinaria esposizione su come muoversi in  quella che ho chiamato L’Esperienza Sacra. Settimana scorsa abbiamo detto che spesso a chi medita  viene detto che un buon modo per iniziare la pratica è di ascoltare il suono del proprio respiro. Entrare profondamente nel  suono, fondersi con esso, diventare tutt’uno.

Allenare se stessi ad ascoltare i suoni della vita e a cercare la Risonanza con la vita è un meraviglioso inizio sul sentiero della Non-Consapevolezza del Sé. Nei momenti di trascendenza che si creano focalizzandoci sul suono e nient’altro, sperimentiamo noi Stessi non come individui, ma come parte del Tutto.

La Risonanza è il primo dei Cinque Strumenti della Non-Consapevolezza del mondo. E questo perchè quando usi la Risonanza, quando ti connetti all’ambiente della tua fisicità verificando quanto sei risonante con esso (si, la Risonanza può essere percepita), riesci a perdere la  consapevolezza di te come entità separata dalla vita stessa. Puoi perderti nell’esperienza della sublime risonanza con, ad esempio, il suono.

Chi al mondo non l’ha mai fatto? Puoi, proprio letteralmente, perderti nel suono di un’orchestra sinfonica, o nel suono dei grilli nella notte, o nel suono delle onde oceaniche che lambiscono dolcemente la spiaggia, o nel suono del silenzio.

Si, il silenzio — che a volte erroneamente consideriamo come assenza di suono — è il più incantevole stato di Risonanza di tutti.

Il silenzio è Risonanza. Quando ascolti profondamente il silenzio, sperimenti la naturale Risonanza della Vita Stessa. Quando ti fondi totalmente col silenzio, esci totalmente dal tuo senso di Sé come Altro singolo, e sperimenti che non c’è “altro” nell’Universo. Diventi Uno. Con tutto. Diventi risonante col tutto.

Ecco perchè tutti i grandi maestri spirituali hanno detto Ascolta. Cosa?, chiede l’alunno. Il nulla, risponde il maestro. Come posso ascoltare il nulla?, vuol sapere l’alunno, frustrato dalla confusione. Non ascoltando nulla del tutto,  risponde il maestro.

Ed ecco come si fa:

Come prima cosa, trova un luogo dove sederti per un momento. Non sdraiarti, perchè ciò potrebbe indurti a dormire. Vorrai essere completamente sveglio e completamente Consapevole di essere Inconsapevole.

Hai sentito ciò che ho appena detto?

Ho detto Vorrai essere completamente Consapevole di essere Inconsapevole.

Hai capito? Devi capirlo profondamente se vuoi trovare la tua strada verso l’Esperienza Sacra. Questo è un viaggio, e devi comprendere profondamente che il viaggio ti sposta da dove sei a dove vuoi essere… senza andare da nessuna parte. Nulla cambia, ma tutto è diverso.

Quindi, poi, mettiti comodo, lasciando andare qualsiasi tensione fisica che potresti sentire nel  corpo.

Ora, chiudi gli occhi (per limitare il numero di recettori che ricevono dati dal tuo ambiente) e apri le orecchie. Ascolta, semplicemente ascolta, il mondo intorno a te.  Fallo per  qualche momento, senza esaminarlo in alcun modo. Semplicemente ascolta tutto ciò che c’è da sentire.

Poi, inizia a classificare ciò che stai sentendo. Fai mentalmente una lista di tutti i rumori che stai ascoltando. Prova a vedere quanti suoni diversi  riesci ad identificare. Quanti ne puoi contare?

Bene. Ora, inizia ad eliminare quei suoni uno alla volta. Cioè, sposta il tuo focus dai rumori nella misura in cui  riesci, uno alla volta, fino a quando non ti focalizzi accuratamente su un unico suono.

Non importa quale sia quell’unico suono. Può essere qualsiasi cosa. Semplicemente focalizza la tua attenzione su quell’unico suono, e solo su quello. Sentirai ancora gli altri suoni, ma saranno in sottofondo. Ascolta con concentrazione il singolo suono.

In una stanza silenziosa, potrebbe essere il suono del tuo respiro. In un luogo dove c’è più rumore, potrebbe essere  il suono di un condizionatore, o una musica, o uno scalpiccio di passi sul pavimento.

Se non riesci a scegliere un suono che ti piaccia su cui isolarti e  focalizzarti, fai tu stesso un suono. Proprio così, fai un suono che ti piace, e focalizzati su quello. Alcuni monaci lo fanno, e lo chiamano fare la om. Fanno il suono della om, ed ascoltano se stessi che lo fanno!

Fallo e scoprirai che puoi perderti in quel suono. E cioè, il “tu” che pensi di essere si “perderà” letteralmente nel singolo suono, e Risuonerà con esso. Perderai il tuo senso del sé ed inizierai a sentirti all’unisono col suono stesso. Non domandarti il perchè. Lascia semplicemente che accada.

Alcune persone lo ottengono molto velocemente col canto. Sia ascoltando il canto che cantando. Cantare può incantare.

Anche la musica può incantare allo stesso modo, come abbiamo visto prima.

Il suono, che è un modo immediatamente e facilmente accessibile per  sperimentare la Risonanza, può essere uno strumento efficace ed un meraviglioso sentiero verso l’illuminazione, una porta d’accesso all’Esperienza Sacra.

Potresti desiderare di rendere un’abitudine il fatto di ascoltare la vita in  questo modo per cinque minuti al giorno. La cosa bella è che puoi farlo in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo. Interrompi semplicemente ciò che stai facendo per cinque minuti e ascolta. Ascolta. Ascolta tutti i suoni del momento, poi prendi un  suono su cui scegli di focalizzarti e prestagli particolare attenzione. Spostati nel suono. Diventa tutt’uno con esso.

Puoi farlo in un aeroporto o in una stazione ferroviaria. In un supermercato affollato o all’angolo di una strada. A casa o al lavoro. O ascoltando una sinfonia. E quando avrai preso l’abitudine di usare questa idea del suono, ti ritroverai a volerlo fare sempre di più. Potresti anche ritrovarti, in un certo senso, dipendente dal suono. Poiché scoprirai che isolarti e focalizzarti su un particolare suono può portarti un’enorme pace.

Avvertimento: non farlo mentre guidi o mentre manovri un macchinario pesante.

Penserai che io stia scherzando, ma non è così.

Abbracci & Amore,

Neale

P.S.: i pensieri esposti sono tratti da The Holy Experience, un libro completo (in inglese) scritto da me, che potete scaricare gratis da www.nealedonaldwalsch.com. Cliccate semplicemente sull’icona Free Resources (risorse gratuite).

Domanda & Risposta

Questione su ciò che ha detto Gesù

Caro Neale, ho una domanda riguardante uno dei libri CcD. Riguarda Gesù. Un paio di volte, credo, citi il versetto della Bibbia ‘Io sono la via, la verità, e la vita’, ma mi stavo ponendo la questione sulla seconda parte di questo versetto che dice ‘nessuno arriverà al Padre se non attraverso me’.

Sono diventata  una Cristiana circa 6 anni fa all’età di 34 anni, e credevo vagamente a tutto ciò che la chiesa mi diceva. Alla fine lasciai la chiesa poiché molto di ciò che veniva detto non mi quadrava (soprattutto i punti sul Dio che uccide i suoi amati figli ritratto nella Bibbia).

Sono dell’opinione che molto di quanto è scritto nella Bibbia non possa essere affidabile e sono un po’ nella terra di nessuno riguardo alla mia fede e non sono più sicura di come c’entri Gesù in tutto questo. Una parte di me si domanda, e se Gesù fosse davvero la via la verità e l’amore, e se l’unica via verso Dio fosse attraverso di lui?

Debbie

PS:  ieri mio papà ha descritto Dio come il grande illusionista e queste parole mi sono  rimaste. Hanno risuonato profondamente da qualche parte dentro di me.

Neale Risponde

Cara Debbie… è mia convinzione che molte delle parole di Gesù come sono contenute nella Bibbia siano state mal interpretate e fraintese da coloro che scrissero i  passaggi nella Bibbia per cominciare, o dal Concilio di Nicea, in cui venne data l’interpretazione ufficiale di certi passaggi delle Scritture, che divenne la dottrina formale Cristiana.

Per maggiori informazioni potresti voler guardare questo link di Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Concilio_di_Nicea

E’ mia convinzione, Debbie,  che l’intenzione di Gesù e il suo messaggio fossero che “nessuno arriva al Padre (intendendo Dio) se non facendo ciò che io sto facendo, procedendo nel modo in cui io sto procedendo, vivendo ed essendo nel modo in cui io sto vivendo e sono”. Ecco perchè Gesù ha detto “Seguitemi”. Con questa parola credo intendesse “Fate ciò che sto facendo. Seguite il mio esempio”.

Non credo che intendesse “Trasformate Me nel Dio che dovreste seguire… e se non fate di Me il vostro Dio, mio Padre vi condannerà”. Non è questo che ho compreso di ciò che Gesù ha detto. Ma devi sapere che potrei sbagliarmi su tutto quanto. Non vorrei mai trasformare la mia verità nella tua verità.

Perchè tu possa trovare e sperimentare ciò che è vero per te, penso che tu debba avere la tua personale conversazione con Dio. Te lo suggerisco caldamente. Prega su questa cosa, Debbie, e prega profondamente e spesso. Chiedi a Dio di portarti chiarezza e di avvolgerti nella Saggezza Divina mentre esplori, con tutta la purezza del tuo cuore e della tua anima, questi scritti della Bibbia. E’ l’unico modo per approcciare la Bibbia, Debbie… o qualsiasi scritto spirituale, incluso Conversazioni con Dio. Senza scetticismo o pregiudizio, ma con cuore aperto e una mente disponibile e ricettiva. La tua Anima accennerà un grande si dentro di te — lo sentirai davvero — quando leggerai qualcosa che è vero per te.

Soprattutto, chiedi a Dio di essere tuo Amico e tuo Aiutante nei momenti di ogni bisogno, non solo il bisogno di comprendere antiche scritture create da uomini non meno infallibili di quanto lo sia io.

Grazie per avermi fatto questa domanda, Debbie. Possa tu avere l’esperienza che Dio è con te e si esprime attraverso di te, in tutti i giorni della tua vita.

Con Amore,

Neale

1 commento

  1. Maurizio in 5 Aprile 2013 il 10:35

    Penso proprio che le parole di Neale siano perfette…(o almeno intendo perfette con la mia “risuonanza”…con le mie vibrazioni), credo che Gesù sia stato un MESSAGGERO fantastico, come ce ne sono stati altri, anche di altre Religioni. Credo inoltre che Dio sia in ognuno di noi e, probabilmente, Gesù, Buddha e tanti altri, di diverse estrazioni religiose, se non fossero stati fraintesi da chi li ha trascritti nei secoli, hanno dato tutti il solito messaggio. Neale stesso, forse Sai Baba, Madre Teresa di Calcutta, Padre Pio…e tantissimi altri, anche meno popolari, ma che hanno trovato la strada per congiungersi a Dio, danno tutti quanti un messaggio di “scelta di vita”…e cioè sciegliere di vivere nell’ AMORE, al posto di vivere nella paura…sciegliere di aprire i cuore e vivere nella FEDE…ma non quella “mentale”…quella vera, consapevole, quella che viene dall’ Anima, perchè quella è la FEDE giusta, quella dell’ uguaglianza nella diversità…priva di giudizio. Quando entri in contatto con la parte più luminosa che è in te, cioè Dio, sai che tutto è perfetto, anche quello che la mente “duale” dice al tuo corpo fisico che è ingiusto…se riesci a vederlo con gli occhi della tua luce interiore…diventa PERFETTO.
    Con Amore,
    Maurizio

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.