NON dimenticate mai di VOTARE!

 Una Nota da Neale…

Miei cari amici…

Ci sono appena state le elezioni negli Stati Uniti, dove risiedono molte persone che leggono questo Bollettino. Come organizzazione no-profit, non possiamo (né vorremmo) sostenere un candidato politico, ma vi raccomandiamo di non perdere mai l’occasione di votare, qualsiasi candidato voi supportiate.

Votare in un’elezione libera è uno dei grandi privilegi di una democrazia, e vi raccomandiamo di far sempre sentire la vostra voce! Ricordate ciò che dice Conversazioni con Dio: “La politica è la vostra spiritualità, manifestata.”

Il che ci porta direttamente al punto dove ci siamo interrotti la settimana scorsa, quando abbiamo concluso la rubrica con queste parole…

Non sottovalutate mai il potere delle vostre parole e il potere della vostra volontà. La forza di volontà può produrre notevoli risultati.

Volere che qualcosa accada è ciò che trasforma il desiderio in azione.

Riprendendo da lì…

Quando dici “Voglio che” accada questo o quello, stai dicendo “Chiedo” che accada. In realtà, stai dicendo anche più di questo, poiché l’atto di volere che qualcosa accada non è un atto di richiesta, è un atto di pretesa. E’ un “richiamare a sé”. Come in “Sia fatto il mio volere”.

Quando voglio che la Divinità si manifesti nella mia vita, il Secondo Passo è stato fatto ed io mi avvicino all’Esperienza Sacra. A volte pongo me stesso all’interno di questa esperienza solamente con questo mezzo.

Ma cosa ci vuole per arrivare a voler avere quest’esperienza? Ci vuole un accordo col proprio Sé a lasciar andare qualsiasi cosa ed ogni cosa che sia diversa dall’Esperienza Sacra.

Ma, un momento. Ciò potrebbe non essere così facile come sembra. Perlomeno, per me non lo è stato. Innanzitutto, non sapevo come fosse l’Esperienza Sacra, e quindi non potevo sapere cosa fosse diverso da questa. Almeno, non del tutto.

Potevo tirare ad indovinare su certe cose piuttosto ovvie — ma anche queste ipotesi a volte erano imprecise. Ad esempio, fa parte dell’Esperienza Sacra essere arrabbiati? No, mi dicevo. Le persone che stanno avendo l’Esperienza Sacra non sono mai arrabbiate. Non cadono mai preda delle proprie emozioni negative.

Poi ho incontrato un Maestro che ha riso di questa mia supposizione. “Pensi davvero che una persona che stia vivendo nell’Esperienza Sacra non conosca mai la rabbia?” mi chiese il Maestro con una risatina. “E’ questo ciò che chiami ‘maestria’?”

“Uhm, si, credo di si…” balbettai.

Il Maestro sorrise. “Un Maestro non è colui che non sperimenta mai un’emozione negativa, un Maestro è colui che non sperimenta mai alcuna emozione come ‘negativa’. Il Maestro è colui che padroneggia tutte le emozioni, e le usa di proposito, con intenzione, per una ragione specifica, per produrre un certo risultato. Il Maestro è colui che sta sempre creando, e sa che la creazione è sempre in atto, e che usa ogni emozione per creare, anziché per reagire.

Il Maestro sa che ogni emozione viene scelta. E come può essere negativo qualcosa che viene scelto? Come puoi avere una sensazione negativa quando ottieni ciò che vuoi? Puoi avere una sensazione negativa solo se hai dimenticato che tutto ciò che ricevi è qualcosa che hai creato tu. Solo una persona che non ha la maestria lo penserebbe.”

Quando sentii il Maestro parlare così, realizzai di sapere ben poco sull’Esperienza Sacra. E’ stato quando è iniziata la mia vera esplorazione.

Abbracci & Amore,

Neale

Domanda & Risposta

Gesù stava parlando a Lucifero?

Caro Neale… CcD ci insegna che non esiste un’entità come il Diavolo. Abbiamo letto e sentito di Gesù Cristo che è andato nel deserto a digiunare, meditare e pregare per 40 giorni e 40 notti. Apparentemente, il cattivo vecchio Lucifero lo ha tentato tre volte e l’ultima sua richiesta fu che Gesù si inchinasse a lui così da poter possedere il mondo/universo. Con chi stava parlando Gesù Cristo se il diavolo non esiste?

Sono confusa. Grazie se vorrai rispondermi. Che Dio ti benedica. Angelica

Neale Risponde

Angelica, la storia è un’allegoria. Gesù stava “parlando” alla propria mente, alle proprie tentazioni, ai propri demoni interiori… alla parte di lui che sapeva di poter facilmente “possedere” il mondo (essere un importante personaggio pubblico del suo tempo) se avesse semplicemente abbandonato il suo Più Vasto Scopo e avesse ceduto alle attrazioni quotidiane del mondo fisico facendone il suo focus principale.

Con Amore,

Neale

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.