Lettere a Neale

Caro Neale… Ero qui a pensare ad alcune cose molto traumatiche che ho attraversato nella vita, specialmente a quelle che sembra abbiano ancora effetto su di me, dopo molti decenni. Sono arrivata in questo mondo in una vita familiare di abusi, che ha portato a conseguenze nella mia vita che mi hanno causato tumulto interiore, e ci sono state molte volte in cui ho desiderato togliermi da questo mondo per sfuggire al dolore e alla sofferenza che sperimentavo. E si, dopo essere stata su questa terra per 51 anni, sto ancora affrontando le ripercussioni della mia vita familiare di abusi. Sto facendo il meglio che posso, cercando una spiritualità più elevata e facendo analisi e terapia di gruppo.

Per moltissimo tempo mi sono domandata “Perché ho dovuto passare quello che ho passato?”. Pensavo che forse un giorno avrei trovato risposta a questa domanda, che avrebbe avuto un senso e avrebbe rivelato uno scopo più alto in tutto ciò. Ma ora mi viene detto (in CcD) che posso semplicemente rispondermi da sola, e non riesco a pensare ad alcuna ragione plausibile perché un bambino subisca abusi, e ne venga perseguitato per il resto della vita in una forma o nell’altra. Quindi… si sta dicendo che ho voluto attraversare l’inferno che ho attraversato, e che ne conosco la ragione e un qualche scopo superiore che mi serva? Mi dispiace, non intendo mancare di rispetto qui, ma faccio davvero fatica a capire.

Sinceramente, C.E.

Neale Risponde

Cara amica… Prima di tutto, non scusarti per aver posto la domanda o aver detto la tua verità qui. Se non è questo il posto per farlo, allora non c’è alcun posto.

Detto ciò, lascia che ti dica questo: Nel video niente suggerisce che tu volessi attraversare l’inferno che hai attraversato. Non è una scelta conscia che hai fatto.

Ciò che il video suggerisce è che, attraverso il Processo di Ricontestualizzazione, puoi arbitrariamente “assegnare” una ragione per l’esperienza che ti è capitata…, e che, così facendo, puoi re-incorniciare l’esperienza stessa, vedendola in un modo nuovo che possa cancellare tutta la persistente sofferenza che, comprensibilmente, ha continuato a rimanervi collegata nella tua Mente.

Ho visto questo processo funzionare con diverse persone nel mio lavoro personale con loro durante i ritiri CcD di rinnovamento spirituale, quindi so che può essere efficace – si, anche in situazioni di incidenti terribili e profondamente dannosi come quelli che hai incontrato nella tua vita.

Non sto dicendo che il Processo di Ricontestualizzazione sia un processo attraverso cui l’azione che è stata fatta contro di te venga “condonata”. No. Mai. La violenza verso qualcuno in qualsiasi forma non può mai essere condonata, approvata, o accettata. Ma può essere spiegata.

Spiegare non è condonare, ma può essere chiarificatore. Specialmente se la spiegazione ha a che fare col risultato che è stato prodotto nella vita della vittima attraverso il Sapere dell’Anima.

Uno dei più grandi esempi di ciò è l’esempio della reazione di Gesù alla crocifissione, e anche a quelle stesse persone che lo hanno crocifisso.

Gesù ha compreso, a livello spirituale, “perché” stava accadendo ciò che stava accadendo. Attraverso quella comprensione, è stato capace di trasformare la sua risposta all’evento, anche mentre stava accadendo.

Anche noi possiamo trasformare la nostra risposta ai peggiori eventi della nostra vita, non solo mentre stanno accadendo, ma anche anni dopo. Ciò non cambia l’evento, né lo condona – ma può rimuovere, alla fine, la sofferenza che continuiamo a sperimentare a causa sua.

Forse un giorno potresti riuscire a partecipare ad uno dei Ritiri di Rinnovo Spirituale, e tu ed io potremmo avere l’occasione di lavorare sulla tua particolare esperienza. Mi piacerebbe molto.

Ti invio amore e comprensione, la mia profonda compassione e i miei migliori e più gentili pensieri.

Con abbracci,

Neale

Lascia un commento

Devi essere connesso per inviare un commento.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.