Note da Neale

Ciao miei meravigliosi amici…

Come sai se sei un abituale lettore, qui abbiamo parlato dei passi verso l’Esperienza Sacra. Il terzo passo nel creare l’Esperienza Sacra è sapere che la stai avendo.

In verità, uno non crea per niente l’Esperienza Sacra (né crea nulla, se è per questo). Uno semplicemente espande la propria prospettiva, permettendosi di notare che l’esperienza si sta già verificando e sta solo aspettando che la realizziamo.

Tutte le cose che “sono” ora, che sono mai state, o che mai saranno, sono ora. Nel nostro Multiverso Atemporale (non viviamo semplicemente in un Universo, ma in una molteplicità di universi—qualcosa che la scienza ci sta dicendo ora), mai niente sarà creato di nuovo. Ogni cosa esiste già nell’Eterno Momento di Ora. E’ stato creato tutto in una volta!  Sta a noi semplicemente arrivare in quel Momento e in tutto ciò che contiene e, con lo strumento della nostra prospettiva, tirar fuori qualsiasi cosa desideriamo. Come un mago che toglie il coniglio dal cappello, allo stesso modo anche noi sperimentiamo la meraviglia e la magia della Vita.

Incredibilmente, poche persone sono consapevoli che stanno avendo ora l’Esperienza Sacra. Ci sono due ragioni per questo.

  1. La maggior parte della gente non sa cosa sia l’Esperienza Sacra.
  2. La maggior parte della gente non sa chi è.

La nostra prospettiva estremamente limitata ci permette solo una percezione molto limitata. Puoi vedere solo ciò che sei capace di vedere. Thomas Aquina ha messo meravigliosamente questa eterna verità nel suo Summa Theologica  quando ha detto: “Il conosciuto è in colui che conosce conformemente alla modalità di chi conosce”.

La Conoscenza Totale, la Vera Conoscenza, non è possibile per Aspetti dell’Essere o Individuazioni della Divinità di prospettiva limitata – e tutte le Individuazioni della Divinità hanno una prospettiva limitata della Realtà Ultima in virtù del fatto che sono Individuazioni.

Eppure non tutto è perduto, poiché il grado in cui la prospettiva di uno si può espandere è, in termini umani, al di là dello straordinario, e, in termini cosmici, virtualmente illimitata. Ciò presenta una dicotomia, poiché come può una cosa che è per sua natura limitata essere virtualmente illimitata?

Ah già, questo lo indagheremo la prossima settimana.

P.S.: I pensieri provengono da “La Sacra Esperienza”, un libro (soltanto in inglese per ora) che potete scaricare gratis su www.nealedonaldwalsch.com. Cliccate semplicemente sull’icona “Free Resources”.

 

Domanda & Risposta

Caro Neale… Frequento un gruppo di CcD nella mia città e la nostra ultima convocazione era basata sul concetto In assenza di ciò che non siamo, ciò che siamo non esiste (Nota di Neale: Questa è la Legge degli Opposti).

La domanda che è sorta ad un certo numero di noi è stata “per quanto tempo continuiamo a vedere esperienze opposte?” e in base alla tua esperienza c’è un modo per spostarsi dall’opposto verso  “Chi Siamo”  in un periodo di tempo più breve? Avevi detto “che non abbiamo bisogno di passare noi stessi attraverso l’esperienza, che possiamo imparare dall’esperienza degli altri ed avere la stessa esperienza come se ci fossimo passati noi”. Aspetto impazientemente la tua risposta. Amore & Pace… Mark.

Neale risponde

Mio caro Mark… La tua è una buona domanda, ed è molto importante. La nostra risposta inizia notando che c’è una differenza tra Esperienza Interiore ed Esperienza Esteriore. L’Esperienza Interiore di ogni essere umano è spirituale, l’Esperienza Esteriore è fisica. Una non ha niente a che fare con l’altra, e invece noi pensiamo che ce l’abbia — e questa è la nostra caduta. Continueremo a vedere “le esperienze opposte” finché non ci sarà chiara l’asserzione qui sopra. Quando inizieremo a capire che la nostra Esperienza Individuale Interiore non ha niente a che fare con la nostra Esperienza Collettiva Esteriore, allora l’Esperienza Esteriore, qualunque essa sia, non avrà significato per noi. Non avrà importanza.

Conversazioni con Dio mi ha insegnato che “solo quando non ha più importanza, non avrà più importanza”. Qui sto usando la parola “materia” come un verbo nel secondo caso (nel testo originale il termine usato è  “matter”, che significa sia “materia”—come sostantivoche “avere importanza”—come verbo—n.d.t.).  Come in: “l’energia si trasforma in materia”. Una cosa “ha importanza” ( e cioè, diventa “materia” fisica dalla pura energia) perché diciamo che ha importanza. Niente ha importanza in se stesso e per se stesso. Quando una cosa non ha più importanza per noi internamente, smette di averla esternamente. Cioè, quando svuoti gli eventi esterni dai significati interni, quegli eventi esterni di solito evaporano e se ne vanno; scompaiono; smettono di manifestarsi nella realtà fisica, perché sono serviti allo scopo.

Può non essere sempre così, ma non avrà importanza. Che le condizioni esterne si muovano o cambino non avrà importanza per te, perché avrai imparato che è la tua risposta interna alle condizioni esterne a creare la tua realtà. Questa è la “via più breve” che stai cercando per spostarti da ciò di cui non desideri fare esperienza nella tua realtà a ciò di cui desideri  fare esperienza. E’ uno spostamento mentale, non fisico. Semplicemente cambi idea sull’argomento. Decidi che non ha più importanza che stia andando avanti la tal cosa, o che stia capitando così-e-così, o che stia succedendo questo-o-quello. Niente di tutto ciò ha importanza, perché Chi Tu Sei è uno che non può essere toccato da circostanze o condizioni esterne — e non lo sei  quando capisci questo.

Questa è chiamata trasformazione. Questa è chiamata illuminazione. Questo è il modo in cui guarisci te stesso e guarisci il mondo. Il mondo è un’illusione. E’ solo la tua esperienza interiore ad essere reale. E quindi, Guarisci con ciò che è Reale.

Hai creato l’esperienza di Ciò Che E’ Opposto a Ciò Che Desideri Sperimentare per poterlo sperimentare. Ciò Che E’ Opposto semplicemente crea un Campo Contestuale all’interno del quale Ciò Che Desideri Sperimentare può essere sperimentato come la Tua Realtà. Quindi benedici, benedici, benedici ciò che ti si oppone, e sii una luce verso l’oscurità, così che tu possa sapere Chi Sei Veramente.

Con Amore,