Lettere a Neale

Ciao Neale,

sono un tuo fan da quando ti ho sentito in uno show radiofonico ad Atlanta diversi anni fa. Poco dopo aver iniziato a leggere la tua serie di libri ho visto parte di un’intervista con Larry King in cui ti chiedeva se avessi paura di qualcosa. All’inizio dicesti di no, poi subito ti correggesti con un’altra risposta. “Ego”. Mi sorprese.

Sfortunatamente allora non lo “afferrai”. Ci vollero diversi anni per capire finalmente ciò che avevi detto. Sono stato la fonte di dolore per i miei cari e non ne ho mai avuto idea. Vorrei poterti scrivere un altro tipo di email in questo momento. Una che non fosse così piena di rammarico per cose che ho fatto creando dolore in coloro che hanno più importanza nella mia vita. Vorrei essere stato… migliore.

Ultimamente mi sono sentito molto ‘connesso’ all’Universo e non ho sentito altro che puro amore stando sdraiato di fianco a mia moglie. Lei è il mio più grande insegnante, Neale. So cos’è l’Amore… grazie a lei. Ho iniziato a vedere la bellezza del mio passato e le esperienze dalle quali sono stato capace di imparare e con le quali sono cresciuto. Anche i miei figli sono insegnanti meravigliosi. Sono così fortunato e benedetto ad averli nella mia vita, Neale. Sono infine riuscito a ‘perdonare’ me stesso per quelle cose in cui sento di aver deluso loro e altri. Non perché ‘meritassi’ di essere perdonato, ma perché ne ‘avevo bisogno’. Grazie per avermi aiutato a fare questo per me stesso.

Voglio ringraziarti per la tua saggezza, le tue esperienze e la meraviglia che i tuoi libri mi hanno ispirato negli anni. Soprattutto, per avermi aiutato ad imparare ad apprezzare coloro intorno a me e il perché siano stati con me. Anni fa mi hai messo su un sentiero di scoperta dell’universo e di me stesso… e del mio posto in esso. E’ stato pieno di alti e bassi che ora non posso definire ‘buoni’ o ‘cattivi’ perché ogni esperienza mi ha insegnato qualcosa su me stesso. Ho imparato che devono essere stati tutti ‘buoni’ in qualche modo, anche se ‘buono’ a volte è difficile da trovare quando è avvolto dal dolore. Grazie, Neale.

Sinceramente, Ralph

Neale Risponde

Mio caro Ralph… Grazie per la tua lettera molto aperta, onesta e rivelatrice. Mi fa molto piacere che le tue stesse riflessioni ti abbiano condotto a questa saggezza. Sono d’accordo con te che il perdono di se stessi sia una cosa importante e meravigliosa. Ora, la prossima come importanza sarà il nostro impegno a non ripercorrere più di nuovo quegli stessi sentieri di ferite e danni agli altri attraverso il soddisfacimento del nostro ego.

Anch’io ho fatto molto danno agli altri, Ralph, e ho fatto piangere molte persone. Vorrei con tutto il mio cuore che non fosse così. Ma lo è, e non posso fare altro che perdonare me stesso, ed impegnarmi profondamente ad essere migliore. Sei molto fortunato ad avere tua moglie e i tuoi figli dalla tua parte. Sono d’accordo con te anche su questo. Il loro amore è un tesoro che non puoi comperare, che spero non perderai mai, e che certamente non metterai mai da parte. Entra ancora più pienamente in questo, amico mio, e la tua anima canterà la sua gioia.

Grazie per avermi scritto. Sono solo felice che qualcosa che ho fatto possa averti portato grande discernimento. Mi onora il fatto che ciò possa essere vero, e sono grato a Dio che almeno una parte della mia vita abbia portato benefici ad altri.

Con amore,
Neale