Non ascoltare senza sentire

Note da Neale

Cari amici miei…

Come ci si sente dentro all’Esperienza Sacra? In un’esperienza simile uno è senza difesa. Non c’è bisogno di difendersi in quanto l’esperienza di attacco non è possibile, e nemmenon l’esperienza di danneggiamento. Esiste solo ciò che succede, quello che succede adesso, ma non è etichettato né come attacco né come danneggiamento dall’Essere Unico, e quindi non c’è bisogno di difesa, di giudizio né di perdono.

Questo è precisamente quello che Gesù ha avuto come esperienza quando è stato crocifisso. Aveva capito che L’Essere Unico stava facendo questo a Se Stesso, per obiettivi molto più elevati e grandiosi di quelli visti o capiti dalle Individuazioni dell’Uno, che si trovavano lì in quel momento, osservando tutto ma non vedendo niente.

Quando hai uno scambio con un altro, assicurati di non essere nel momento osservando tutto senza vedere niente. Capita troppo spesso fra gli esseri umani. E non solo quando le persone litigano. A volte questo succede anche quando si amano. Anche quando stanno facendo l’amore. Stanno osservando tutto senza vedere niente.

Per avere l’Esperienza Sacra, condividi l’Esperienza Sacra. Fallo prendendo parte ai sentimenti degli altri. Quando ascolti quello che stanno dicendo, non ripetere le loro parole. Mai ripetere le parole di qualcuno se vuoi avvicinarti a lui. Pensi che non sappia quello che ha appena detto? O, se non lo sa, pensi che voglia che qualcuno lo sottolinei?

Quello che vuole è essere ascoltato al livello dei suoi sentimenti. Quindi, invece di ripetere le sue parole, dì ciò che pensi che stia provando. Questo è l’Ascolto Attivo. Un dialogo con un ascoltatore INattivo potrebbe svilupparsi così:

“Arrivi sempre a casa tardi dal lavoro, anche quando prometti che sarai in tempo per cena.”

“Non arrivo sempre a casa tardi dal lavoro. Non ero in ritardo neanche  ieri. Lo fai sempre. Lo descrivi sempre peggio di quello che è, per avere ragione.”

Non lo sto descrivendo peggio di quello che è! Può darsi che tu sia arrivato a casa in orario ieri, ma oggi è la terza volta questa settimana che sei in ritardo!”

“La terza VOLTA? Non sono neanche ANDATO al lavoro lunedì. Ero malato, ti ricordi? Vedi quello che intendo? Non sai neanche di cosa stai parlando.”

“Va bene! Erano due volte questa settimana, tre volte settimana scorsa! Non ho un calendario al polso. Sto solo dicendo che sei in ritardo di nuovo e io sono stanca di doverne discutere.”

“Tu sei stanca di discuterne? IO sono stanco di discuterne. Adesso non ho più voglia di CENARE. Lascia perdere. Sarò in salotto se vorrai parlare con me in modo gentile tanto per cambiare…”

Ora, questo scambio avrebbe potuto svolgersi molto diversamente, se solo uno dei due fosse stato un Ascoltatore Attivo…

“Arrivi sempre a casa tardi dal lavoro, anche quando prometti che sarai in tempo per cena.”

“Vedo che sei delusa che io sia arrivato a casa così tardi, e sono veramente dispiaciuto che tu sia delusa. C’è qualcosa che posso fare per farti sentire meglio?”

“Questa è la terza volta questa settimana che sei in ritardo!”

“Caspita, sei veramente arrabbiata.”

Sono arrabbiata, e mi dispiace di essere così arrabbiata, ma mannaggia, questo capita tutte le volte.”

“Sento che sei triste e anche un po’ arrabbiata. Voglio che tu sappia che sto male dentro quando sei triste o arrabbiata. Ti amo.”

“Ti amo anch’io. Potresti per favore cercare di tornare a casa in orario un po’ più spesso?”

“Ci proverò. A volte il tempo mi sfugge. Cercherò di tenere il tempo sott’occhio. Grazie per aver detto che mi ami. So che se non mi amassi, non ti importerebbe niente di questo. E’ bello sentirsi amati così tanto.

“Beh, certo che ti amo, per l’amor di Dio. Perciò vieni qui e siediti. Ci metto solo un minuto per riscaldare la nostra cena.”

Questo è soltanto un semplice esempio di com’è avere l’Esperienza Sacra in una situazione di Vita Quotidiana.

L’Esperienza Sacra è quando ridai ogni persona a se stessa. È quando fai in modo che sappia chi è davvero. E cioè, che è importante per te, che è parte di te. E che è parte di Dio. La tratti come se fosse Sacra, come se fosse Divina.

Questa è l’Esperienza Sacra, resa reale.

Abbracci e amore,